• domenica , 22 aprile 2018
Quanti caffè al giorno?

Quanti caffè al giorno?

Sebbene il caffè ci aiuti a stare svegli, non siamo del tutto a conoscenza delle potenzialità di questa bevanda e dei suoi effetti sull’ organismo. Quindi, è molto importante non superare le dosi giornaliere che potrebbero provocare spiacevoli conseguenze. Scopriamo allora quanti caffè si possono bere nell’arco di una giornata.

Partiamo dal presupposto che il caffè, in generale, ha effetti sia benefici che negativi. Molte ricerche effettuate nel corso degli anni, ci dimostrano che le dosi normali di caffeina da assumere non dovrebbero superare le 4 tazzine di caffè al giorno.

Il caffè assunto in maniera adeguata attiva un’azione preventiva verso alcune malattie, come il diabete, la depressione e così via.

Converrebbe assumere il caffè sempre a stomaco pieno, preferibilmente dopo i pasti, o in caso di colazione accompagnato da brioche, biscotti o frutta.  Questo per attenuare l’effetto di bruciore allo stomaco che potrebbe causare. Il caffè contiene un alcaloide, che prende il nome di caffeina. La caffeina è una sostanza che stimola il sistema nervoso umano e il caffè, se assunto almeno 2-3 volte al giorno, riesce ad aumentare la lucidità della persona, così come ne aumenta l’attenzione.
Difatti il caffè viene spesso preso nei momenti di sonnolenza, o comunque per cercare di svegliarsi e mantenere un certo tipo di concentrazione.. Come quando si sta alla guida o si deve studiare per un qualsiasi esame o si deve affrontare un duro lavoro mentale.

Se si assumono dosi elevate di caffè al giorno, come ad esempio dalle 6 alle 7 tazzine di caffè, l’effetto che emana è più nocivo, poiché se ingerito in quantità eccessive, va ad influire su tanti fattori. Ma non basta avere effetti negativi bevendo più dosi di caffè durante un solo giorno, il rischio è concreto se viene assunto per un certo periodo di tempo in dosi maggiori.

Per chi già soffre di alcune patologie, o chi comunque è soggetto ad averne in futuro, assumendo sempre dalle 6 alle 7 tazze di caffè al giorno, si possono riscontrare problemi di ipertensione, insonnia, acidità di stomaco, vampate di calore e cambiamenti d’umore. Se le stesse dosi vengono assunte ogni giorno per un tempo relativamente lungo, può portare anche ad avere problemi di anemia e di osteoporosi.

Per chi soffre già di reflusso gastroesofageo, gastrite e di ulcera, è consigliabile non assumere più di 300 mg di caffeina al giorno, ovvero, tre tazze di caffè al giorno. Un altro consiglio da tenere presente è quello di bere il caffè preferibilmente alla mattina o al primo pomeriggio, mettendo poco zucchero.

Il caffè non viene recepito nella stessa maniera da tutti, difatti molte persone hanno una digestione più lenta e metabolizzano molto lentamente la caffeina assunta mentre tanti altri la assumono in maniera più veloce.
Di solito in una persona adulta sana, la caffeina va in circolo in 30 minuti circa, e solo il 99% delle volte viene assunta in un’ ora. Invece, le persone che hanno un metabolismo lento, accusano il fastidio di non riuscire ad addormentarsi se prendono il caffè poco dopo le 17: proprio per questo motivo è poco consigliato la sera, soprattutto prima di andare a dormire. Per chi ha la fortuna di avere un metabolismo abbastanza veloce, non ha nessun effetto “negativo” assumere il caffè verso sera.

www.breakshop.net