• martedì , 21 maggio 2019
Come prendere il caffè

Come prendere il caffè

Il caffè è una piacevole bevanda che non manca mai durante la nostra giornata. Ma qualsiasi sia il tipo di caffè che assumete, a casa, al ristorante o nei bar, bisogna seguire delle piccole regole.

Servire il caffè non è come servire un bicchiere d’acqua, bisogna stare attenti ai particolari, prima di tutto se ci sono ospiti a casa, così come nei bar il caffè va servito assieme ad un piattino. Di solito al bar il piattino viene messo con il cucchiaino già accanto alla tazzina e un cioccolatino fondente. Successivamente si posa la tazzina del caffè (preriscaldata dalla macchina da caffè), e attenzione, la tazzina deve essere posta con il manico a destra, con il cucchiaino poggiato dalla parte opposta.

Se si è a casa e magari ci sono molti ospiti, è preferibile servire il caffè su un vassoio, sempre seguendo la stessa modalità descritta prima: piattino, tazzina, e cucchiaino. Sarebbe più comodo se il caffè venisse versato dentro una caraffa, in maniera tale da poter servire il caffè bello caldo a tutti i presenti, piuttosto che aspettare un altro giro di caffè. Idem vale per il latte, da aggiungere a chi preferisce il caffè macchiato, sempre versato in una ciotolina o in una piccola caraffa.

Un consiglio è quello di chiedere sempre la quantità di zucchero gradita e chi dei presenti preferisce aggiungere un pò di latte, in maniera tale da non sbagliare o fare brutte figure. Se proprio non siete convinti, mettete sempre sulla tavola la ciotola con lo zucchero e con un cucchiaino a parte, in modo che gli ospiti si possano servire da soli.

Se ci si trova è al bar, al contrario, per servire il caffè è necessario attenersi ad alcune norme principali. Come spiegato nel paragrafo precedente, le tazzine sono spesso preriscaldate e viene prima consegnato il piattino con il cucchiaino e il cioccolatino (ovviamente ciò se si serve al banco, se invece si serve a tavolino si porta tutto insieme servendo alla destra del cliente) e successivamente la tazzina di caffè. Per quanto riguarda lo zucchero, dipende dai gusti delle persone, c’è chi preferisce lo zucchero di cannella, e chi invece lo zucchero normale. In casi particolari, c’è anche ci sceglie di aggiungere miele o dolcificanti dietetici.

Se si parla invece di particolari tipi di caffè, come quello americano, non si servirà più in una tazzina, bensì in un bicchiere abbastanza lungo. Oppure nel caso del caffè amaro shakerato, che è un caffè freddo, andrebbe servito sempre in un bicchiere tondo.

Un altro metodo per servire il caffè, che non viene fatto comunemente, è il normale caffè nella tazzina con un bicchiere di acqua accanto. E’ buona regola servirlo in un bicchiere di plastica con relativo tappo, se invece il caffè è da portare via.

Altro frequente dibattito riguarda il caffè servito nella tazzina di vetro o nella tazzina di ceramica: molti sostengo che il sapore del caffè è migliore se sorseggiato dalla tazzina in vetro. In realtà, le tazzine in ceramica, trattengono maggiormente il calore e quindi lasciano intatto l’aroma della miscela contenuta. In ogni caso, freddo o caldo, vetro o ceramica, al bar o a casa, buon caffè a tutti!

www.breakshop.net